La Comunità di Pradamano è l’unica Comunità ancora attiva nella zona di Udine, infatti ha accolto anche Daria e Giuseppe, provenienti dalla ex Comunità di Udine.

Siamo una comunità piuttosto piccola, contiamo 8 censiti e 7 fazzolettoni.

Ebbene sì, anche noi abbiamo avuto l’ onore e la gioia di poter vivere la nostra prima promessa dopo la rifondazione della comunità, mettendo al collo di Corinne il suo fazzolettone nuovo e fragrante di macchina da cucire .

Per la cronaca, il fazzolettone di Corinne è stato cucito appositamente per lei dalla Comunità, partendo da uno scampolo di stoffa, per far sì che il fazzolettone avesse un colore simile a quello degli altri, visto che attualmente il fazzolettone d’ordinanza ha un colore marcatamente diverso.

La cerimonia della Promessa di Corinne è stata pensata, studiata e realizzata tutta in questo senso, rispettando l’unicità di Corinne, perché se i valori e le parole della promessa sono uguali per tutti, le persone che le pronunciano sono diverse l’una dalle altre.

La promessa di Corinne è stata fatta durante l’uscita di primavera del 24 e 25 marzo, presso la base Scout di Cercivento.

Essendo la prima promessa della nostra Comunità dopo parecchio tempo, la preparazione è stata una novità per quasi tutti, tanto più che quasi nessuno di noi, nemmeno la promessanda, aveva avuto esperienza di scoutismo giovanile.

A fronte di tutta questa beata e incosciente inesperienza, abbiamo avuto la fortuna di poter contare sul entusiasmo e sull’esperienza del Gran Maestro Cerimoniere, Giuseppe, che, con vero spirito di servizio e tanta allegria, ci ha guidato nella preparazione della veglia e nella recita della promessa.

Rileggendo il testo della legge scout e della Promessa, (una rinfrescata ai fondamentali non fa mai male, specie adesso che l’ età non è più tanto verde), la Comunità ha voluto sottolineare come la Promessa sia un impegno a fare del nostro meglio, sempre e comunque, ma non un impegno a non fallire mai, a non disubbidire mai, a non sbagliare mai.

Una promessa in tal senso non sarebbe nemmeno possibile perché non siamo perfetti, siamo finiti e fallibili come tutti gli esseri umani.

Ma la forza della Promessa è la condivisione della stessa, sapere che altri adulti nel mondo l’ hanno pronunciata prima di noi e che lo faranno anche dopo di noi, quindi non siamo soli, mai.
Adesso, fatto il battesimo della prima Promessa, la Comunità di Pradamano è pronta a confezionare e a far indossare il fazzolettone a tanti altri fratelli e sorelle scout,